Informativa sul trattamento dei dati personali  |  Cookie policy

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Comitato Provinciale di Genova
Cerca
Close this search box.

Al raduno interregionale partigiano di Alto – 3 video per ricordare “U Megu” Felice Cascione

…”Allora Cascione, che si stacca dall’angolo dove ha ascoltato, in piedi, dice: «Piantatela un po’», e va a prendere il taccuino da medico dallo zaino con la croce rossa, si siede e scrive. «Silvano, dammi una mano», dice scuotendo per una spalla Silvano Alterisio, lo studente che nella banda si chiama Vassili. Cosa dovrà dire la canzone? Mancano dieci giorni a Natale, fa freddo, il vento taglia la faccia.

Soffia il vento urla la bufera.

Oltre alla fame, quello che più tormenta gli uomini è la mancanza di scarpe adeguate per la vita sui monti. Tanto che in quegli stessi giorni il comandante e alcuni dei suoi – Alterisio, Rubicone, Semeria, Simonti – fanno una veloce incursione a Diano Arentino, dove era stata segnalata la presenza di un grosso quantitativo di cuoio prelevato dalla grande caserma Camandone dopo l’8 settembre. Megu e i suoi uomini recuperano il cuoio in un magazzino, caricandolo su due muli: sarà inviato al Cln di Imperia, che farà confezionare scarponi per i partigiani.
Quindi il secondo verso viene quasi da solo:

Scarpe rotte eppur bisogna ardir.

Cascione non dimentica che la costituzione della sua banda ha un valore politico, oltre che insurrezionale, in un territorio dove i contadini e le popolazioni in genere li stanno sostenendo. Poi, ci si possono dimenticare le donne?
Lungo il sentiero che li porta al casone dei Crovi, sottovoce si cantano le prime due strofe:

Soffia il vento, urla la bufera

Scarpe rotte eppur bisogna ardir

A conquistare la Rossa primavera

In cui sorge il sole dell’avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle

Ogni donna a lui dando un sospir

Nella notte lo guidano le stelle

Forte ha il cuore e il braccio nel colpir“…

tratto da “Fischia il vento” Felice Cascione e il canto dei ribelli di Donatella Alfonso

Questi tre filmati sono stati prodotti da ANPI Genova in occasione del raduno interregionale partigiano del 4-5 agosto 2018 ad Alto (CN) nel centenario della sua nascita

 

 

 

 

Articolo correlato – In memoria di Felice Cascione – Donatella Alfonso – Patria Indipendente

 

 

 

Ultimi articoli pubblicati

Caso Scurati: “No alla deriva da regime”

L’annullamento dell’intervento dello scrittore Antonio Scurati nel programma RAI “Che sarà” è un fatto gravissimo, l’ennesimo colpo alla libertà di espressione e di informazione. L’ANPI continua

Un uomo complesso

Storia di Michele Campanella, il partigiano GIno Un testo di Ivano Malcotti, per la regia e l’interpretazione di Mirco Bonomi.  Venerdì 12 aprile 2024, alle