Informativa sul trattamento dei dati personali  |  Cookie policy

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Comitato Provinciale di Genova
Cerca
Close this search box.

Strage del panino e della mela (Genova) 14-15-16 Gennaio 1945

Tra 14 e 16 gennaio 1945 fu rappresentata una macabra messinscena, per acuire il clima di tensione e di paura (forse pensando di riuscire ad evitare che venissero identificati i responsabili dell’esecuzione) i fascisti avevano abbandonato in diversi punti di quartieri popolari come Sestri, Sampierdarena, San Fruttuoso e Marassi, i cadaveri di numerosi partigiani uccisi, che furono trovati senza alcun documento di identificazione e con un panino e una mela in tasca.
Quest’ultimo particolare, sul quale non si ebbe mai alcuna spiegazione ufficiale, anche perché le autorità fasciste insistettero sulla loro estraneità a queste morti (che, pure, riguardavano persone risultanti da tempo certamente in loro mani), può essere spiegato col fatto che fornendo alle vittime predestinate un pasto, sia pure modesto, da consumare nel corso di un ipotetico viaggio, si rendeva più credibile l’ipotesi di un trasferimento, che avrebbe indotto alla calma le vittime stesse, almeno sino al momento e luogo dell’esecuzione .
I morti rinvenuti piazza baracca Sestri Il mattino del 16 erano Rinaldo Bozzano, Giuseppe Canepa, Alfonso Ferrari e Alessandro Maestri 2 giorni prima il 14 in piazza Terralba era stato trovato il corpo di Efisio Atzeni, in Corso Galliera il corpo di Attilio Firpo quello di Giuseppe Biscuola in via Bonifacio, quelli di Giuseppe Spataro e Ernesto Jursè al Campasso e quello di Giovanni Meloni a San fruttuoso tutti con in tasca un panino è una mela .
La brillante operazione invernale delle polizie tedesche e fasciste, che erano riuscite a colpire i vertici stessi delle strutture militari clandestine della città, creò non pochi problemi alle direzioni politiche e militari della Resistenza: la sostituzione degli elementi catturati e la ristrutturazione delle organizzazioni colpite richiese tempo ed impegno in una situazione che l’aumentata pericolosità rendeva oltre modo delicata e precaria.

Elenco delle vittime:
Atzeni Efisio (Moretto) nato il 25/11/1925 a Iglesias (CI),  Div. Cichero, Brg.Jori, Dist. Prigionieri;
Biscuola Giuseppe (Milan) nato il 28/05/1904 a Ferrara, Sap Mirolli – Pinetti;
Bozzano Rinaldo nato il 21/04/1926 a Voltri (Ge), Sap Piva;
Canepa Giuseppe nato il 07/07/1921 a Borzoli (Ge), Sap Longhi;
Ferraris Alfonso nato il 20/08/1902 in Francia 2° Brg. Sambolino, 1° Div. Garibaldi Bevilacqua,
Firpo Attilio (Attila) nato il 09/03/1916 a Genova, Sap Mirolli – Pinetti;
Jursè Ernesto nato il 02/05/1903 a Pola, sapista;
Maestri Alessandro nato il 17/02/1925 a Sestri Ponente (Ge), gapista;
Meloni Giovanni (Leone) nato il 05/10/1918 a Libianis (Ao), Sap Mirolli – Pinetti;
Tronfi Antonio nato il 21/03/1926 a La Spezia;
Spataro Giuseppe nato il 18/03/1925 a Rocella Jonica (Rc) sapista;
2 sconosciuti

fonte: “Cronache militari della Resistenza in Liguria” Giorgio Gimelli
“Atlante delle Stragi Naziste e Fasciste in Italia” Web

Ultimi articoli pubblicati

Caso Scurati: “No alla deriva da regime”

L’annullamento dell’intervento dello scrittore Antonio Scurati nel programma RAI “Che sarà” è un fatto gravissimo, l’ennesimo colpo alla libertà di espressione e di informazione. L’ANPI continua

Un uomo complesso

Storia di Michele Campanella, il partigiano GIno Un testo di Ivano Malcotti, per la regia e l’interpretazione di Mirco Bonomi.  Venerdì 12 aprile 2024, alle