Informativa sul trattamento dei dati personali  |  Cookie policy

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Comitato Provinciale di Genova
Cerca
Close this search box.

Sfregio alla sezione Anpi di Sturla: sappiamo bene chi sono gli “assassini”, neofascisti fuori dalla storia e dalla realtà democratica nostro paese

Comunicato Stampa
Genova 10/02/2020

Un manifesto volutamente insultante, che prende l’occasione dalla Giornata del Ricordo per gli uccisi nelle foibe, è stato affisso nella notte sulla porta della sezione dell’Anpi di Sturla, nel levante di Genova, da militanti di Azione Frontale, noti per muoversi sempre e solo protetti dalla notte, e non nuovi ad iniziative del genere. “Partigiano assassino, l’antifascismo si cura con la verità”, c’è scritto: l’unica cosa vera è che è la verità che vi deve curare (oltre a qualche buon medico, forse): l’antifascismo è la base della vita democratica di questo paese, grazie alla Costituzione nata proprio dai valori della Resistenza. Come ha detto il presidente Mattarella proprio ieri , quella delle Foibe rappresenta “Una sciagura nazionale alla quale i contemporanei non attribuirono – per superficialità o per calcolo – il dovuto rilievo”. Ma, ha sottolineato il capo dello Stato, “oggi il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell’indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi”.ANPI nazionale non a caso ha svolto una giornata intera di studio su quanto avvenuto nei confini orientali , dalla nascita del fascismo sino agli anni del dopoguerra La verità è ben lontana dalle patetiche rivendicazioni di questi neofascisti: la nostra azione, tutti i giorni, si ispira invece alla conoscenza della storia e alla trasmissione della memoria, in tutte le sue accezioni. Ma nessuno, ripetiamo nessuno, può pensare di oscurare la Resistenza spingendo all’eccesso il parallelismo con ciò che è avvenuto dopo la guerra, e se poi è costretto a farlo di notte, strisciando, si qualifica da se.

ANPI Genova

Ultimi articoli pubblicati

Un uomo complesso

Storia di Michele Campanella, il partigiano GIno Un testo di Ivano Malcotti, per la regia e l’interpretazione di Mirco Bonomi.  Venerdì 12 aprile 2024, alle