Informativa sul trattamento dei dati personali  |  Cookie policy

Associazione Nazionale Partigiani d'Italia
Comitato Provinciale di Genova
Cerca
Close this search box.

Toti, quanta animosità (elettorale) contro l’ANPI. Per far dimenticare chi tra i suoi alleati osannava Putin?

Genova, 28 marzo 2022

Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria é in campo con le liste per le prossime amministrative e ha scelto di aizzare i suoi contro l’Anpi usando gli indignati di professione, definendoci “amici della neutralità ostentata e del pacifismo un po’ peloso” affermando che “a Kiev si combatte per la libertà di una nazione e anche un po’ per la salvaguardia della coerenza”. 

Quella coerenza, a pensarci bene, Toti dovrebbe praticarla nei confronti dei partiti che maggiormente lo sostengono e di cui uno dei leader rivendicava orgogliosamente di preferire “mezzo Putin per due Mattarella”, frequentava ambienti politici ed economici moscoviti sollecitando anche di pensar bene ai rischi di applicare sanzioni contro la Russia per non danneggiare gli imprenditori italiani.  

Giovanni Toti ha bisogno di farsi ripetere concetti molto semplici: gli stessi che l’Anpi gli ha ricordato solo pochi giorni fa, quando ha provato ad accusare di retorica chi (come noi) celebra orgogliosamente la Liberazione dal nazifascismo.
Quindi gli ripetiamo, una volta per tutte, che Anpi (e tutte le donne e tutti gli uomini che si riconoscono convintamente nei valori costituzionali, al contrario di chi lo fa solo per darsi una patina di democrazia, come coloro che strumentalmente scambiarono la camicia nera con il fazzoletto rosso subito dopo la Liberazione) ricorda ogni 25 aprile la fine di un regime liberticida e violento che portò gli italiani in guerra.
Basta con accuse inventate: come durante il congresso Anpi di Riccione ha ricordato una giovane delegata, gli amici di Putin non vanno cercati tra le fila dell’associazione dei partigiani, vicini concretamente alla popolazione ucraina e pronti a sostenere i profughi in ogni modo: condannando l’invasione russa e riconoscendo il diritto alla difesa degli aggrediti.
Caro presidente Toti, il concetto è chiaro: nessuna equidistanza, nessuna scusante, solo, come ha detto anche Papa Francesco (e speriamo non sia tacciato anche il Santo Padre come putiniano), no ad un’escalation militare sì affinché l’Europa, l’Onu, la diplomazia facciano ogni cosa per evitare l’innescarsi di un conflitto mondiale che potrebbe comportare anche il rischio nucleare. 

 Dubbi condivisi anche da molte cancellerie europee. 

I sospetti, le accuse, l’indignazione da social sono solo una vergognosa strumentalizzazione preelettorale (non a caso sabato Toti ha presentato le sue liste a Genova e La Spezia) di una parte politica che, invece, nella Russia sovranista e nazionalista di Putin ha avuto amicizie e sostegni. Forse Toti, sollecitando di entrare in guerra, sa per certo che altri andrebbero al posto suo: ma, visto che la sua maggioranza ha votato contro lo scioglimento di Forza Nuova (e qualcuno si era opposto all’intitolazione della Sala consiliare a Sandro Pertini) sarebbe sicuro di non trovare qualcuno di loro, con il fucile in mano, ma dall’altra parte? 

Invitiamo il presidente della Regione Liguria a occuparsi di cose concrete: come la sanità e i trasporti. Ecco lì sì che dovrebbe darci delle risposte.

Anpi Liguria

Ultimi articoli pubblicati

Un uomo complesso

Storia di Michele Campanella, il partigiano GIno Un testo di Ivano Malcotti, per la regia e l’interpretazione di Mirco Bonomi.  Venerdì 12 aprile 2024, alle